DOVE TROVARLA?

Cerca il punto vendita più vicino.

Attuppateddi di Perciasacchi

Una bontà per il palato.

L’Attuppateddi di Perciasacchi sono prodotti con semolato di grano duro siciliano, moliti a cilindri e pietra naturale, trafilati al bronzo e a lenta essiccazione. 

Affinché possano essere gustati al punto giusto servirà una cottura di 8 minuti circa.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
pentola

COTTURA

8 MINUTI

 

ATTUPPATEDDI

Trafilata al bronzo e a lenta essiccazione, meno spesse dalle tagliatella e dalla forma allungata: tipica in Sicilia col macco di fave

Valori nutrizionali medi per 100g

40 Minuti

Facile

Attuppateddi al macco di fave

Ingredienti per 4 persone

  • 500g di attuppateddi
  • 300g di fave fresche
  • 1 cipolla
  • 1 mazzo finocchietto selvatico
  • Sale, pepe nero, Olio e.v.o. (q.b.)

Preparazione

Incidete i baccelli delle fave in modo da arrivare al seme, per 300g di fave fresche ne servono 1kg.


Svuotate i baccelli e ricavate le fave, fate così per tutte. Togliete la pellicina alle fave aiutandovi con l’incisione che avete fatto con il coltello. Sciacquate tutto sotto l’acqua corrente e affettate una cipolla, rosolatela in olio extravergine d’oliva. Aggiungete le fave alla cipolla, salate e lasciate rosolare. 
 
Coprite le fave con acqua e lasciate cuocere, quando tutto il liquido sarà evaporato, mescolate con vigore in modo che si disfino diventando quasi un purè. 
Coprite nuovamente d’acqua, non mettetene molta, la pasta col macco è una minestra densa, se serve l’aggiungerete poco per volta, portate a bollore e unite gli spaghetti spezzati.


Mescolate spesso, soprattutto verso la fine, la pasta infatti tende ad attaccarsi con facilità, spegnete il fuoco quando è ancora al dente. 
Date un paio di giro d’olio extravergine, mescolate e impiattate, aspettate 5 minuti e servite,  aggiungete una spolverata di pepe nero e …buon appetito!

Una bontà per il palato.